.
Annunci online

  socialismosurreale [ "Se la mucca fa Mu e il merlo fa Me, tieniti stretto il tuo pusher..." ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo



cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


15 aprile 2006

Baci Perugina

                                               
"Se non sei Maometto, ma la montagna viene verso di te..."


       Anonimo Irpino
, citata da Igu.




permalink | inviato da il 15/4/2006 alle 2:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


11 aprile 2006

................................................

La rivoluzione non è un pranzo di gala
non è una festa letteraria
non è un disegno o un ricamo
 non si può fare con tanta eleganza
con tanta serenità e delicatezza
con tanta grazia e cortesia
la rivoluzione è un atto di violenza.

Mao




permalink | inviato da il 11/4/2006 alle 13:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


7 aprile 2006

Lasciamo il tempo che troviamo.

"Ci sarà un'ondata di maltempo che però lascerà il tempo che trova"
Gaetano Brindisi




permalink | inviato da il 7/4/2006 alle 14:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


14 marzo 2006

Poesia della settimana...


"Lavoro cinque giorni a settimana,
me faccio 'n culo come 'na campana,
aspetto er Venerdì pe' riposare,
ma tu sei pronta già pe' annà a sciare.
Rientro stanco peggio de 'n facchino,
apro la porta e '’nciampo in un casino!
"Che so' tutti ,’sti 'mpicci nell'ingresso,
che stamo a cambià casa, ch'è successo?
Borse, valigie, pacchi, sci, scarponi!
"Aoh, io me so' rotto li cojoni!
L'urtima vorta che ho parlato ar muro?
C'hai tanti amici, va' a scià co' loro!
Pe' 'sti du' giorni famme stà tranquillo,
nun me poi mica spappolà er cervello!
Io sulla neve ce divento matto,
c'ho sempre 'n freddo che me caco sotto!
Arzo la voce, ma nun serve a gnente,
dopo 'na mezz'oretta sto' ar volante.
Nun ho magnato, me vorrei fermare,
ma tu stai 'n dieta e nun ne voi sapere,
anzi - me dici - forse ci conviene,
fermarci per montare le catene!
Me fermo e le catene nun me sbajo,
so' sempre dietro all'urtimo bagajo.
Scarico, monto e poi rimetto dentro.
"Un giorno o l'artro, giuro che te sventro!
Guarda la coda su pe' 'sta salita!
Questo nun è riposo, è 'na stronzata!"
Semo arivati. Proprio 'n ber viaggetto!
Mo' magno - penso - e me ne vado a letto,
ma è tutto chiuso, c'è er portiere solo
qui chi c'ha fame se la pija 'nder culo!
La voce tua me segue pe' le scale!
<Amore scendi?'> - <No, me sento male!>

<Ma gioia, mica andrai subito a letto?!?!>
<Chi io? Pe' carità, mica so' matto!>.
<Allora torna subito, capito?
C’è un bel ramino appena organizzato!>
<Ma và, davero, ma che ve serve er quarto?
Intanto 'ncominciate ‘n tre, cor morto!
Date le carte, ‘n attimo, che arivo!>
Si nun me metto a letto, io nun vivo.
Me butto 'nbranda, prima che vie' giorno,
giocassero cor morto, ch’io m'addormo!
Dev’esse’ l'alba quanno la tua voce
aricomincia e me rimette in croce.
<Alzati caro, guarda che giornata,
facciamoci una bella passeggiata!>
Facciamose ‘na che? Ma va a ffà ‘n culo!
A me lasciame perde' qui da solo.
So' stanco, nun me va' da camminare,
poi pago e faccio quello che me pare!
Da quanno t'ho sposata nun c'è inverno
che nun me fai ‘ncazzà cor Padreterno.

M'hai fatto comprà pure er coredino
e nun so' manco annà sullo slittino,
quanno se va 'n salita e sulla neve,
le passaggiate so' facoltative.
C'ho freddo, la stanchezza me se magna
e vengo a fa' er cojone qui in montagna!
Valla a fa' te 'sta bella passeggiata
co' quarche amica tua rincojionita,
io dormo fino a prima de tornare,
Io lunedì matina, sto' ar cantiere!
Un'ora prima de partì, me svejo.
Adesso me comincio a senti mejo
e pe' ritorna a casa già so' pronto,
mo' manno su 'n facchino e pago er conto.
Sempre più caro, li mortacci loro,
si ce ritorno, nun so' 'n omo vero.
Qui vonno i sordi mica caramelle
è chiaro che me girano le palle!
Ma pago tutto senza batte ‘n occhio
tanto me ce rifregano cor cacchio.
Der viaggio de ritorno ne parlamo?
Raccontamo quarcosa o sorvolamo?
Sull 'autostrada pare de sta' a Monza,
la gente fa' la gara a chi è più stronza!
Tu 'ntanto te sarai pure abbronzata,
ma c'hai la faccia della rimbambita,
c'hai l'occhi che te cascano per tera,
più che 'n vacanza sembri stata 'n guera!
In fonno all'autostrada viene er bello,
tocca fa' a carci pe' arrivà ar casello.
Kilometri de coda passo, passo,
co' chi ce prova pure a fa' er sorpasso!
<Guardate 'ntorno, cerca fra 'sta gente,
quarcuno co' lo sguardo inteliggente,
chi dorme sur volante, chi sbadija,
chi litiga co' tutta la famija.
Tutti abbronzati è vero in pieno inverno,
ma v'è costato er sonno d'ogni giorno.
<Guarda che faccia quello, pare 'n matto!
Ammazzerebbe er fijo pe' anna' a letto.
Stasera dico basta a 'sta caciara.
Quanno ritornerò Venerdì sera,
vojo 'magnà tranquillo a casa mia
e annà a dormi, pure si tu vai via.
Io mica te proibisco de partire,
ognuno po' fa' quello che je pare.
Pe' me 'sto viaggio è l'urtimo strapazzo,
tu e la montagna, m 'ate rotto "

Ditemi che conoscete questa "poesia" musicata, il travaglio dell'umana ineluttabile
incomprensione tra i sessi...
Se vi è nuova vi prego solo di commentare lo scritto qui sopra prima di informarvi
su di esso...

Grazie
D'istinto, saluti.

Vito Kandisky




permalink | inviato da il 14/3/2006 alle 23:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa


13 marzo 2006

Ballo Ballo

Oggi ha suonato (2 volte) il postino e guardate cosa mi ha lasciato in cassetta...


"Se si può mi vorrei un istante riposare
per un po' dovrei subito ricominciare
ah sensazione unica
ah voglia di restare qui
Ballo ballo ballo da capogiro
ballo ballo ballo senza respiro
ballo ballo ballo mi invento un passo
che fa così fa così fa così

Porta porta porta su una terrazza
porta porta portami una farfalla
ballo ballo ballo nel mio castello
Che cosa c'è cosa c'è cosa c'è"

"Che cosa c'è? C'è che mi sono innamorato di te"

"Mi sono innamorato di te perchè non avevo niente da fare"

SOPPRIMIAMO RAFFAELLA

Gruppo Dada-Insurrezionalista per la ricostituzione del Partito dell' Amore.






permalink | inviato da il 13/3/2006 alle 1:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


22 febbraio 2006

Il Campanile è caduto

Ahimè...causa deficienza editor il cannocchialO mi sono trovato costretto a rimuovere la cit'azione dell'amato Campanile (Achille..non quello del tallone) Spero risolvere presto problema. Grazie Graziella e...




permalink | inviato da il 22/2/2006 alle 19:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa


17 gennaio 2006

Prima Cit'azione

Omaggio a Tristan Tzara


La spontaneità dadaista.

L'arte è una cosa privata. L'artista lo fa per se stesso. L'artista, il poeta, apprezza il veleno della massa che si condensa nel caporeparto di questa industria. E' felice quando si sente ingiuriato: una prova della sua incoerenza. Abbiamo bisogno di opere forti, dirette e imcomprese, una volta per tutte. La logica è una complicazione. La logica è sempre falsa. Tutti gli uomini gridano: c'è un gran lavoro distruttivo, negativo da compiere: spazzare, pulire. Senza scopo nè progetto alcuno, senza organizzazione: la follia indomabile, la decomposizione. Qualsiasi prodotto del disgusto suscettibile di trasformarsi in negazione della famiglia è DADA; protesta a suon di pugni di tutto il proprio essere teso nell'azione distruttiva: DADA; presa di coscienza di tutti i mezzi repressi fin'ora dal senso pudibondo del comodo compromesso e della buona educazione: DADA ; abolizione della logica; belletto degli impotenti della creazione: DADA ; di ogni gerarchia ed equazione sociale di valori stabiliti dai servi che bazzicano tra noi: DADA ; ogni oggetto, tutti gli oggetti, i sentimenti e il buoi, le apparizioni e lo scontro inequivocabile delle linee parallele sono armi per la lotta: DADA ; abolizione della memoria: DADA ; abolizione dell'archeologia: DADA ; abolizione dei profeti: DADA ; abolizione del futuro: DADA ; fede assoluta irrefutabile inogni Dio che sia il prodotto immediato della spontaneità: DADA ."

Tratto da "Manifesto del Dadaismo" - 1918

"Il pensiero si fa nella bocca" ...ma se sovente i politicanti non sono neanche in grado di mangiare, figuriamoci di pensare...




permalink | inviato da il 17/1/2006 alle 18:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

sfoglia     marzo       





Ascolti stimolanti
Area International POPular Group
"qualsiasi cosa vi passi per le mani"

Brian Eno
"Another green  world" - 1975 - (album)

Finley Quaye

"Maverick a strike" - 1997 - (album)

The Alan Parsons Project
"I Robot" - 1977 - (album)

The Tony Williams Lifetime
"Turn it over" - 1970 - (album)

Miroslav Vitous
"Purple" - 1970 - (album)

Klaus Schulze
"Picture Music" - 1975 - (album)

Frank Zappa
"Apostrophe (')" 1974 - (album)

Third World
"96° in the shade" - 1977 (album)

Maceo Parker

"School's in" - 2005 (album)

Average White Band 
"Cut the cake" - 1975 (album)

Gong
"You" - 1974 (album)

Arti & Mestieri

"Tilt - Immagini per un orecchio" - 1974 (album)

Lucio Dalla

"Com'è profondo il mare" - 1977 (album)

Wilson Pickett
"In the midnight hour" (la storia)
"Land of 1000 dances" (soul...e basta)
"Mustang Sally" (la storia parte seconda)
"Engine number 9" (la storia parte terza)

Art Blakey

"Moanin'" - 1958

Os Mutantes
"Jardim elétrico" - 1971 (album)